skip to Main Content
Cessione Crediti D'imposta: Calcolo E Utilizzo

Cessione crediti d’imposta: quando utilizzarli e come.

Cessione crediti d’imposta. Dal momento in cui la nostra vita è stata segnata dalla presenza logorante del Coronavirus,il Governo ha messo in piedi differenti agevolazioni fiscali per cercare di ridurre i danni causati dalla pandemia. La cessione del credito d’imposta è “protagonista” di queste agevolazioni, anzi, possiamo affermare che orami rappresenta a tutti gli effetti una di moneta fiscale utile allo Stato per supportare i cittadini senza dover ricorrere a soldi reali. Cerchiamo di approfondire in quest’articolo che cos’è la cessione crediti di imposta, come e quando va utilizzata.

Cos’è la cessione del credito d’imposta?

La cessione crediti d’imposta dà la possibilità di trasmettere il diritto di ottenere la detrazione fiscale a imprese, banche o assicurazioni. In questo modo, otteniamo uno sconto sulle fatture d’acquisto oppure, nel caso degli istituti di credito, di una somma di denaro subito disponibile.

Cerchiamo di spiegare meglio il concetto  e come funziona in pratica la cessione crediti d’imposta con un esempio. Prendiamo l’ipotesi di lavori fatti in casa. Facciamo dei lavori in casa e supponiamo di aver diritto ad un credito di imposta di 2000 Euro. Possiamo agire in due modi. Il primo è quello di scontare quest’importo direttamente sulle tasse dividendo l’importo complessivo in eguali rate per i dieci anni successivi. 

In alternativa possiamo cedere credito d’imposta alla ditta che ha fatto i lavori: questa sconterà la somma sulle tasse, mentre a noi sarà riconosciuto uno sconto in fattura pari al credito ceduto. Stiamo parlando, quindi, di uno tra i sistemi più utilizzati in questo periodo per veicolare risorse economiche, donando così ossigeno a cittadini ed imprese in periodi di crisi.

Cessione crediti fiscali: in sintesi, vogliamo riepilogare quali sono i soggetti coinvolti:

  • il ceduto, vale a dire il debitore;
  • il cedente, il creditore che cede il proprio diritto (ad esempio, l’impresa edile che ha effettuato i lavori);
  • il cessionario, cioè il soggetto terzo verso quale il credito viene trasferito (ad esempio, l’istituto a cui l’impresa cede il proprio credito).

Lavori di ristrutturazione e cessione del credito

Credito di imposta: quando possiamo utilizzare questo strumento?

Come per tutte le misure di supporto economico, anche questa tipologia di cessione del credito fiscale, ha regole e ambiti di azioni ben precisi. Iniziamo a vedere quando è possibile effettuare la cessione del credito d’imposta. Gli interventi nei quali è possibile cedere il credito e, quindi, utilizzare questa agevolazione, troviamo quelli legati alla realizzazione di:

  • interventi di ristrutturazione edilizia (parliamo di opere di manutenzione, restauro, eliminazione delle barriere architettoniche). In questi casi parliamo di detrazioni decennali;
  • recupero o restauro delle facciate degli edifici (c.d. “bonus facciate”) anche questi detraibili in 10 anni;
  • efficientamento energetico (“ecobonus”) o messa in sicurezza antisismica (“sismabonus”) di un immobile, a detrazione decennale;
  • installazione di pannelli e impianti fotovoltaici;
  • installazione di colonnine di ricarica per autoveicoli elettrici;
  • interventi coperti dal “Superbonus 110%”.

Presenti già nel Decreto Rilancio, oltre a queste misure, ne troviamo delle altre. Crediti d’imposta resi “cedibili” per affrontare le diverse esigenze urgenti provocate dall’emergenza Coronavirus:

  • affitti di negozi, studi professionali o stabilimenti aziendali. Parliamo, in questo caso, di crediti cedibili per un valore pari al 60% dei canoni di locazione versati per i mesi di marzo, aprile e maggio 2020;
  • spese sostenute per la sanificazione degli ambienti di lavoro e per l’adeguamento dei locali alle misure di contenimento del Covid-19.

Acquisto crediti fiscali ecobonus

Quali soggetti assorbono il credito d’imposta?

Acquisto crediti fiscali: vediamo ora, in sintesi, quali sono i soggetti che possono acquisire il credito:

  • una banca (o un intermediario finanziario come Creditcash.it)
  • l’impresa che ha fatto i lavori per te;
  • soggetti privati come condomìni, società, enti o professionisti

Per approfondimenti sulla cessione crediti imposta, ti invitiamo a leggere anche l’articolo sull’ Ecobonus Hai già letto l’articolo che abbiamo pubblicato settimana scorsa dedicato alla Cessione del credito 50%? Se, invece , vuoi approfondire le tue informazioni sulla cessione del credito pro soluto, sull’acquisto e la cessione credito ti invitiamo a leggere l’articolo Acquisto e cessione del credito.

 

Avviso agli utenti

Logo ufficiale Creditcash.it Cessione del credito pro soluto


Si avvisano i gentili visitatori che sono momentaneamente sospese le richieste inerenti la Cessione crediti Superbonus 110% e crediti derivanti da altri interventi edili (bonus facciate, cambio infissi, ristrutturazione, installazione fotovoltaico ed altri).

This will close in 20 seconds